venerdì 30 aprile 2010

Convocazioni sfida Metallurg




Altissimi livelli e attenzione a mille per la maxisfida con l'attuale capolista. 11 convocati, ovviamente giocheremo massimo in 9, quindi intanto confermate la vostra presenza, poi in caso si provvederà ad una nuova selezione (con probabile esclusione di cicero). Il match avrà luogo Lunedì 3, alle 22, da Katanga.

Dino
Di Blasi
Gregorio
Cicero
Valerio
Ninai
Diego
Trezeguet
Claudio Materia
Stellina Loris
Vito Abc

giovedì 29 aprile 2010

AAV - Peppers 3-2



ce l'hanno fatta ancora! qualcuno aveva detto che era solo un caso, che le ragazze dell'atletico avvolte avevano vinto per puro caso, per la stessa legge della statistica che dice che è possibile che nasca un negro che non sa giocare a basket. e invece eccoci qua, 2 vittorie consecutive, 6 punti che fanno male, 9 giocatori che sanno il fottuto fatto loro, tutti fattori multipli di 3, come le 12 parate di oddo, le 15 cazzate di cicero, i 18 anni di valerio, il 21, numero della maglia di Di Blasi, erede di Zidane... (gli unici 2 nomi in maiuscolo di quest'articolo, NdA)

3-2, il risultato rifilato ai peppers, partita sofferta e ardua, boscosa e fitta perchè difficile e insidiosa, vischiosa quasi. l'aav non gioca benissimo ma è concreto, difende quasi bene, si entusiasma e fa entusiasmare il pubblico di katanga, numeroso come sempre. ecco le pagelle:


oddo 7
sicuro, abile, sveglio, capace, crostaceo, il buon oddo consegna la sua seconda ottima prestazione consecutiva... e contando che ha solo 2 presenze direi che siamo ad un buon punto.

cicero 6
non si nota granchè, fa giusto il suo dovere, è alto e questo gli fa fare bella figura ma tanto quanto. da lui ci si aspetta molto di più (ma neanche troppo...)

ninai 6,5
mi ha detto aver recuperato tanti palloni e io gli credo. però ne ha persi anche un paio pericolosetti là dalle sue parti. comunque coriaceo e generoso alla sua prima apparizione stagionale.

Di Blasi 6,5
altra partita discreta la sua. fa ruotare bene la palla e mette ordine dietro, la sua fascia è particolarmente sicura anche se i due gol dei peppers sono scaturiti da tiri fatti di faccia a lui. gli si rimprovera il non mettere il piede in maniera virile ma è così carino che alla fine gli perdoniamo tutto.

valerio 6
si proietta molto spesso in avanti anche se non fa mai nulla di determinante, sembra soffrire di alcuni tratti tipici del cugino cicero, la genetica è un brutto affare. in difesa è spesso assente.

diego 7
il miglior diego dai tempi della primavera del 68: tanti capelli, tanta grazia, pennella una stupenda punizione all'incrocio e contiene il centrocampo pepperiano molto bene. punto di riferimento.

claudio 6,5
snervato dalla piccola quantità di palloni che riesce a gestire, non è al top ma serve comunque alcuni palloni determinanti anche se il miglior claudio ha da venire.

piccola stellina loris 7,5
a lui è dedicata la copertina di questa vittoria, il capocannoniere della fica, l'idolo delle folle, il lunatico campione dal sorriso contagioso, gioca un'altra ottima partita e gliene siamo tutti grati, ciao piccola stellina loris.

vito abc 6
deve ancora trovare il ritmo e gli schemi giusti, non sembra molto affiatato con i compagni di reparto anche se ha corso tantissimo e ha fatto a spallate con la difesa del peppers, in fondo si è impegnato parecchio e sembra brutto dargli lo stesso voto dei cugini cicero, ma stavolta gli tocca. :D

lunedì 26 aprile 2010

Convocazioni AAV - Peppers





Martedì 27 alle 22 al Katanga Stadium terza di campionato contro i Peppers. Queste le ragazze convocate dal mr. Di Blasi.

Dinetta Oddo
Fabrizia Cicero
Ninaia
Valeria Siracusa
Alessandra Di Blasi
Diega Basile
Claudia Materia
Stellina Lorissa
Vita ABC

Sotto con le presenze!

giovedì 22 aprile 2010

AAV - Real Verza: 4-3




le ragazze dell'atletico avvolte ce l'hanno fatta! dopo tanti anni e migliaia di stagioni, tornano all'ormai dimenticata vittoria. Si era detto di tutto su questa squadra: che non era all'altezza, che il reparto difensivo era meno efficace di una mutanda d'ottone, che cicero era omosessuale, che gli attaccanti non segnavano nemmeno su esplicita enciclica del papa... e invece... eccoli qui, festosi, gioiosi, balzanti, pompanti sorrisi e soddisfazione. Il coach-capitano-fantasista di blasi porta alla prima vittoria stagionale una squadra rimaneggiata, fatta di nuovi innesti dalla grinta bufalesca, dalla virilità inattaccabile (se si esclude lo scandalo Cicero). 7 uomini contati bastano all'AAV per firmare una splendida vittoria di giustezza contro un Verza duro a morire, sudato ma instancabile, difficile come cercare di chiavare una bambola gonfiabile sgonfia.
Le reti le firma tutte la piccola stellina che finalmente torna a brillare nel cielo sopra Katanga, preziose anche le giocate di Trezeguet e Diego, indispensabili i salvataggi sulla linea di Di Blasi e le parate di Dino, grazioso il lavoro sulla fascia di Gregorio, e sì... in fondo è servito anche Cicero.
Ecco le pagelle.

Dino: 6,5
Torna dopo mesi di assenza, concentrato e gagliardo come un diciottenne, autore di uscite spericolate e interventi importanti. Si accola la responsabilità di due gol nonostante non sia chiara ai compagni la sua responsabilità. Istrionico e sagace, gentile e onesto, in una parola, bravo&simpatico.

Cicero: 6
Più sicuro rispetto alla prima apparizione ma costantemente in difficoltà nello scontro fisico con l'arcigno Vespuozzo. I suoi lanci lunghi nel vuoto vincono il premio antipatia 2010 ma è comunque indispensabile nel reparto arretrato. Ama complicarsi la vita ma oramai abbiamo capito che è una sua prerogativa.

Gregorio: 6,5
Buone potenzialità, tanta grinta, metterlo in mezzo al campo è stata la scelta illuminante di capitan Di Blasi, equiparabile al gesto di Ranieri di togliere Totti e De Rossi nel derby. Spinge, suda, smadonna, è sporco e grugnisce ma fa il suo sporco lavoro e porta a casa una stupenda prestazione.

Di Blasi: 6,5
Certamente un Di Blasi non al top come oramai scrivo da stagioni, ma comunque fico e risolutivo. Salva 3 gol e ne è in parte causa di almeno 2, ma a conti fatti la matematica è comunque dalla sua parte. In avanti si propone con allegria e brio anche se non è mai decisivo nè troppo pericoloso. A centrocampo porta ordine e distribuisce tiepidi e sicuri passaggi.

Dieghito: 7
Non giocava dal '69 ma è tornato con la voglia di vincere tipica di un bambino che si è tolto il gesso. Fa buon gioco a centrocampo e anticipa spesso gli avversari, tieni il ritmo per tutta la partita ed è spesso indispensabile anche in fase difensiva dove si fa trovare spesso a dare una mano.

Trezeguet: 7
"Dito rotto, sono cotto" si dice. Ma trezeguet non è per le tradizioni e scende in campo con voglia e desiderio. S'intende alla perfezione con piccola stellina e aiuta molto anche a centrocampo, autore di una pregevolissima prestazione, nel finale il battibecco con capitan Di Blasi gli procura però mezzo voto in meno.

Piccola Stellina Loris: 8
è tornata in alto nella classifica capocannonieri, finalmente corre, galoppa, sgambeggia, gigioneggia, inventa, si smarca, sgomita, sbobba, è morbido e sfrutta tutti gli errori degli avversari. Regala la sua miglior prestazione all'AAV ed è parte integrante di questa vittoria.

martedì 20 aprile 2010

Doppia sfida per l'Atletico Avvolte




La squadra di giovani e qualificati giocatori si appresta ad una doppia sfida ravvicinata contro il Verza ed il Pepper. Nonostante la formazione sia decimata i ragazzi dell'AAV sono entusiasti e bramosi di vittoria. Non manca qualche rammarico per le tante assenze, Cicero ha dichiarato "mi dispiace, è davvero brutto che non ci siano almeno 9-10 uccelli sotto le doccie".

Questa la formazione che affronterà oggi il Verza:
Dino
Cicero
Gregorio
Di Blasi
Diego
Stellina Loris
Trezeguet

Questi i convocati per la sfida di mercoledì:
Dino
Cicero
Gregorio
Ninai
Ivan Orifici
Di Blasi
Diego
Stellina Loris
Trezeguet

Sotto con le presenze per mercoledì e un caloroso in bocca al lupo per la sfida di stasera.

mercoledì 14 aprile 2010

Metallurg - AAV: 2-6




Prima apparizione deludente per un rimodellato Atletico Avvolte che prende tante bastonate e produce poco o niente del bel gioco a cui ci ha abituati. In attesa degli importanti rientri di Materia, Diego, Ninai, Oddo l'AA sfoggia nuovi e vecchi giocatori pescati dalla sua primavera. Ecco le pagelle.


Gregorio: 6
Diverte e fa simpatia, si fa trovare disponibile per una convocazione più sofferta di quelli di Balotelli da parte di Mourinho. Non è certamente una garanzia fra i pali ma tutto sommato disputa una buona partita.

Cicero: 5,5
Un po' spento, un po' appannato, spesso in ritardo, la difesa traballa e lui non può che esserne la causa principale (suo malgrado). Più volte rischia il pasticcio perdendo palla da ultimo uomo, le poche cose buone che ha fatto non bastano a risolevvarlo da una prestazione deludente.

Nicola: 6
Nuovo arrivo dalla primavera dell'AA, tanta grinta, tanto cuore ma poca precisione. S'impone con perizia sulla sua fascia ma pecca un po' in fase difensiva e in fase offensiva spesso è disorientato e fuori dagli schemi. Ma ad un debuttante si perdona tutto.

Di Blasi: 6
Appesantito e con parecchi chili di troppo fatica ancora a ritrovare una forma che oramai appartiene al decennio scorso, eppure dimostra ancora grande tecnica e capacità tattica che gli fan fare tanta bella roba. Quando però la sfida è sulla velocità si stende un velo pietoso.

Trezeguet: 6,5
Trattore instancabile, ara il centrocampo per buona metà del match nonostante si fratturi in dito nelle fase iniziali del match, prende tanti falli, macina gioco e conquista un buon rigore. Pecca però d'eccessivo nervosismo e nelle fasi critiche della squadra questo non è d'aiuto.

Stellina Loris: 6,5
Piccola stellina non sai mai come scenderà in campo, imprevedibile, sornione, duttile, mellifluo, in fondo non disputa una partita malvagia ma ogni volta che le sorti della squadra sono sulle sue spalle lui puntualmente le scrolla e lascia cadere quest'ultime in un baratro buio e freddo.

Vito ABC: 6
Macchina da guerra, difende la palla come un pazzo ma poi non sa cosa farsene e spesso la butta via o s'incaponisce in battaglie senza senso. Sottoporta non trova il tocco giusto nelle poche occasioni in cui viene invitato al gol dai compagni.